Risultati da 1 a 10 di 10

Discussione: Intervista - Alfredo Muccio

  1. #1
    Moderatore Globale L'avatar di felixalice
    Data Registrazione
    16-11-2009
    Località
    Saronno (VA)
    Messaggi
    2,912

    Intervista - Alfredo Muccio

    Buon giorno Capitano Muccio,
    siamo qui per proporle un'intervista, che nasce dall’emozione di avere un Capitano di Lungo Corso qui su Liveboat e dal desiderio di saperne di più.

    Qual è il ruolo di un Ufficiale di Coperta Comandante di Lungo Corso?

    Il comandate è il ruolo più alto in grado su una nave, ha dei collaboratori ufficiali di coperta che sul ponte comando svolgono il compito di seguire la navigazione e decidere le azioni da intraprendere durante la guardia. Io non ho raggiunto il massimo grado mi sono fermato a ufficiale di coperta (capitano l.c.). Ho effettuato la navigazione tradizionale su navi passeggeri e carico non moderna tecnologia. Mi sono diplomato all’Istituto tecnico nautico s. Giorgio di Genova. Il mio ruolo sul ponte comando era di mattina e pomeriggio a svolgere la guardia. La mattina calcolo del sorgere del sole, meridiana (mezzodì sole alla massima altezza) calcolo stellare non esisteva la tecnologia satellitare. Con il sestante si rilevavano le stelle e con le formule di trigonometria sferica si faceva il calcolo che ci permetteva di avere il punto nave nelle traversate senza rilevamenti terrestri. Si seguiva la navigazione al radar per evitare incontri di navi sulla stessa rotta. Oggi il satellitare e p.c. facilitano il lavoro che si faceva cartaceo e ottico. Nella navigazione costiera si effettuavano rilevamenti di punti noti con le ripetitrici della girobussola e radar e si riportavano sulla carta nautica cartacea per il punto nave e controllare la velocità nave in presenza di correnti marine e si regolava la rotta con il timoniere. La guarda era composta da ufficiale e 2 timonieri che si alternavano al timone a caviglie oggi joystic e di vedetta. Nei porti partenza e arrivo a prua o poppa per le manovre di attracco con i cavi. Oggi eliche prodiere e poppiere regolabili facilitano. Come vedete la navigazione moderna si differenzia molto da quella tradizionale.


    Quando si è imbarco la prima volta? Su che nave e con che ruolo?


    Primo imbarco su passeggeri Enrico C. da allievo capitano, crociere settimanali da Genova toccando i porti P.Maiorca-Casablanca-Tangeri-Malaga-Genova. Ho dovuto applicare in pratica la teoria studiata sui banche di scuola attraverso le materie professionali navigazione, astronomia, meteo, manovra navale, piano di carico. Poi guardia di responsabilità non da allievo capitano ma da ufficiale di coperta.

    Com’è la vita di un uomo di mare, si sente la mancanza della terra ferma?

    La vita di mare se si ha passione non stanca, si sente la mancanza di terra ferma nelle traversate oceaniche con i giorni di navigazione mare e cielo, sui cargo monotona, sulle passeggeri distensiva contatto con i passeggeri porti turistici.

    Per le esperienze maturate in tutti questi anni, cosa ci può dire della vita familiare di uomo che viaggia per mare ed è quindi a lungo lontano della proprio famiglia?

    Esperienza maturata tanta si accumula il lavoro stesso porta a conoscenze nautiche e di vita dei paesi visitati. Lontananza dalla famiglia poca, ero scapolo.

    Qual è stata la sua esperienza più bella e quale quella più forte?

    Esperienza più bella quando ho fatto le navi da carico si preparava il piano di carico delle stive le merci varie e container da posizionare per bilanciar e la nave. Imbarco sulla Raffaello il più bello della mia vita, la nave più moderna di quei tempi con inizi di tecnologia nautica sistema L.O.R.AN. Strumento di radionavigazione, in termini tecnici consente di calcolare il punto nave ossia individuare la posizione nave in mare aperto con segnali radio e portare sulla carta nautica loran il punto. Oggi sostituito dal satellitare. Ho effettuato crociere nel mediterraneo Grecia-Egitto-Israele-Turchia e viaggi di linea Genaova-NewYork in 7 giorni. La velocità massima 27 nodi permetteva la traversata oceanica Gibilterra-NewYork in 5giorni. Sul ponte di comando 2 ufficiali e 3 mariani di cui uno di vedetta e altri timonieri. Con l’avvento dei jet che collegano Roma-NewYork in 7 ore la situazione è andata peggiorando le navi per mancanza di passeggeri sono state tolte dal servizio. L’esperienza più forte e negativa abbandono della vita di mare per il quasi fallimento della società di stato e crisi navale.

    Da quanto tempo è in pensione? E qual è stata la nave dell’addio?

    Sono in pensione da dicembre 2009, non da capitano la mia nave d’addio Cargo Italia navigazione viaggi Genova-Vancouver via canale di Panama. Ho visto le condizioni avverse ho deciso di fare l’impiegato in una società grossa di noleggio abbandonando la carriera marittima.

    Naviga ancora da passeggero?


    Da passeggero ho navigato su Ausonia ormai demolita in viaggio di nozze e l’anno scorso su Costa Romantica (perle dell’Egeo). Sensazione emozionante e commovente salire dopo tanti anni da passeggero sulla nave. A distanza di anni ricordo ancora le formule trigonometriche per i calcoli stellari e di navigazione.

    Grazie per la collaborazione e buona navigazione.

    Per Liveboat, Alice
    Moderatore Globale
    Moderatore

  2. #2
    Amministratore L'avatar di Ro*
    Data Registrazione
    22-10-2009
    Località
    Finale Ligure
    Messaggi
    23,630

    Re: Intervista - Alfredo Muccio

    Ma che bella idea questa delle interviste Alice!!
    Grazie al Capitano Muccio per la disponibilità nei confronti di liveboat!!
    Saluti
    Ro
    Rosalba Scarrone
    Amministratore
    Liveboat.it

    Facebook
    Il blog di Rosalba

  3. #3
    Utenti
    Data Registrazione
    09-01-2010
    Località
    Toscana
    Messaggi
    104

    Re: Intervista - Alfredo Muccio

    Carissima Alice,

    grazie per questa interessante intervista e........ovviamente al Capitano Muccio per al sua disponibilità!!!!

    Mi affascina particolarmente tutto ciò che è legato al mondo della nave......!!!!

    Anna Maria

  4. #4
    Moderatore Globale L'avatar di marco
    Data Registrazione
    09-11-2009
    Località
    Parma
    Messaggi
    16,340

    Re: Intervista - Alfredo Muccio

    Vorrei ringraziare anch'io il Capitano Muccio per la sua disponibilità.

  5. #5
    Amministratore L'avatar di Ro*
    Data Registrazione
    22-10-2009
    Località
    Finale Ligure
    Messaggi
    23,630

    Re: Intervista - Alfredo Muccio

    Spero che in futuro ci siano tante altre di queste occasioni!!
    Grazie ancora ad Alfredo!
    Saluti
    Ro
    Rosalba Scarrone
    Amministratore
    Liveboat.it

    Facebook
    Il blog di Rosalba

  6. #6
    Moderatore Globale L'avatar di felixalice
    Data Registrazione
    16-11-2009
    Località
    Saronno (VA)
    Messaggi
    2,912

    Re: Intervista - Alfredo Muccio

    Grazie a tutti, mi fa piacere che questa mia idea sia stata di vostro gradimento!

    Stiamo già pensando a nuove interviste per cui se ci sono delle domande che vi piacerebbe fare, non esite a proporre le vostre curiosità in mp!

    Un grazie nuovamente di cuore ad Afredo Muccio che si è dimostrato veramente molto disponibile.

    Alice
    Moderatore Globale
    Moderatore

  7. #7
    Special User
    Data Registrazione
    23-11-2009
    Messaggi
    227

    Re: Intervista - Alfredo Muccio

    Conosco Alfredo, gran brava persona!!
    E lo saluto con piacere..

    Nel leggerlo pensavo a come è cambiata la navigazione, ma non da quei tempi, bensì nei millenni..
    All'inizio non si allontanavano da terra, ma in seguito impararono a seguire le stelle, ma senza calcoli e sestante, e senza punto nave, giacchè la latitudine e longitudine furono introdotte dagli arabi in epoca medioevale, fino ad allora si ragionava solo in distanze (in linee e non punti)..

    Altro che LORAN!! :P :P :P

    Un navigatore solitario che ha fatto il giro del mondo a vela si è chiesto come navigassero gli antichi, come facessero Greci e Fenici o Romani a prendere il mare ed esplorare rotte nuove o seguirne di prestabilite senza almeno un sestante..

    Per capire ha caricato a bordo un indigeno delle isole di Pasqua, che senza alcun strumento l'ha portato a spasso per atolli di vario tipo..
    Costui sembrava un mago 'vedeva' le isole diverso tempo prima che apparissero, capiva la direzione e la posizione senza alcun problema..

    Ragionando qualcosa ha capito, ad es. le isole rifrangono le onde che tornano in alto mare: un occhio attentissimo ed allenato capisce quali siano le onde rifratte e si muove in un arcipelago senza vedere nulla (un pò come con un radar).

    Di cose di questo tipo ne ha capite alcune, ma poche, per il resto si è sentito ignorantissimo!!

    Un saluto!!
    Manlio

  8. #8
    Moderatore Globale L'avatar di felixalice
    Data Registrazione
    16-11-2009
    Località
    Saronno (VA)
    Messaggi
    2,912

    Re: Intervista - Alfredo Muccio

    Queste chicche, caro Manlio, mi piacciano!

    Sono proprio belle.

    Grazie, Alice
    Moderatore Globale
    Moderatore

  9. #9
    Amministratore L'avatar di Ro*
    Data Registrazione
    22-10-2009
    Località
    Finale Ligure
    Messaggi
    23,630

    Re: Intervista - Alfredo Muccio

    Grazie Manlio per il tuo intervento! :P
    Come sempre molto interessante!
    A presto con altre chicche!! :P
    Un caro saluto
    Ro
    Rosalba Scarrone
    Amministratore
    Liveboat.it

    Facebook
    Il blog di Rosalba

  10. #10
    Reporters
    Data Registrazione
    20-03-2010
    Località
    Messina
    Messaggi
    4,992

    Re: Intervista - Alfredo Muccio

    Bella intervista! Grazie mille
    Domy88
    Reporter

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
  • Il codice BB è Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] è Attivato
  • Il codice [VIDEO] è Disattivato
  • Il codice HTML è Disattivato