Risultati da 1 a 7 di 7

Discussione: Sicurezza a bordo....

  1. #1
    Articolista
    Data Registrazione
    12-04-2010
    LocalitÓ
    Italia
    Messaggi
    5,313

    Sicurezza a bordo....

    Parliamo di sicurezza a bordo. Non mi stanchero' mai di parlarne, anche a costo di sembrare noiosa.....

    Prima di tutto, partiamo col dire che a bordo la parola "Sicurezza" ha a che fare con tantissimi aspetti che spesso nulla hanno a che fare tra loro ma che si accomunano tutti per il voler mantenere e organizzare al meglio una nave contro elementi che possono provocare e costituire pericoli vari.
    A bordo di una nave, a differenza di quanto puo' accadere a terra, per quanto grande sia l'unita' stessa, gli spazi che possono sembrare enormi e spaziosi, in situazioni di caos o generale criticita', possono rivelarsi molto contigui ed insufficienti a mantenere ordine e sicurezza. Inoltre, pensiamo alla natura intrinseca della nave stessa e del luogo in cui ci troviamo: il mare aperto. Da qui l'impossibilita' ad allontanarsi dal posto cosiccome potremmo fare nella normale quotidianita' terrestre.... Per quanto si creda di aver visto gli ambienti e piu' o meno sapersi ricordare uscite e vie di fuga, in realta', soprattutto per un passeggero, in caso di pericolo immediato e' assai impossibile mantenere la calma. Ecco perche' ci si deve affidare all'equipaggio che e' addestrato al meglio (settimanalmente ogni giorno si eseguono trainings e prove generali nei vari campi delle emergenze, anche senza che i pax se ne accorgano) e alle istruzioni degli ufficiali stessi che si troveranno, nel caso, nelle loro posizioni per affrontare l'emergenza. Senza farsi prendere dal panico piu' totale, e' necessario, una volta udito il segnale di emergenza generale, recarsi in cabina e indossare il lifejacket personale (cintura di salvataggio) e ordinatamente e, muovendosi, il piu' possibile a gruppo familiare, raggiungere la musterstation (o punto di riunione) alla quale siamo stati destinati per numero di cabina. Non serve, se non ad alimentare il caos e la paura degli altri che accresce quella di tutti, tentarsi esperti o cercare di far uscire doti non possedute perche' si rischierebbe di far venire meno gli sforzi della macchina dell'organizzazione di bordo. In generale, se la Musterstation coincide come su alcune navi con il punto di imbarco sulla lancia di salvataggio, una volta raggiunto il luogo, ci si trova gia' sul posto per lo step successivo (l'eventuale imbarco per l'abbandono nave), altrimenti, ci si potrebbe trovare in luoghi come teatro, ristoranti, buffets..., luoghi di raccolta, dai quali, attraverso e guidati dal team di indirizzamento, si raggiungeranno in un secondo tempo i punti di imbarco. Cio' dipende dalla nave e dal piano di emergenza stilato. In generale.... raggiunto il punto di imbarco si verra' posizionati secondo ordine di imbarco sulla lancia di salvataggio. Infatti, si verra' posizionati dal personale addetto, cosi': bambini, anziani, disabili, donne incinte/donne/uomini.Questo sara' l'ordine di imbarco.
    Premesso: c'Ŕ posto per tutti sulle lance! E ce ne sono anche in forte disavanzo!!!!

    In caso, invece, si veda un principio di incendio e' necessario immediatamente dare l'allarme. In quel caso sarebbe il massimo se chi scoprisse un piccolo focolaio, una volta dato comunque l'allarme, tentasse di estinguerlo da solo con un estintore se nelle vicinanze. E' pur vero che nessuno a bordo si deve paventare ad eroe, ben chiaro, ma e' da dire anche, che il 90% di incendi che divampano sulle navi da crociera e' di natura stupida, passatemi il termine, che potrebbero esser evitati e che spesso hanno a che vedere con le stesse sigarette buttate accese (in cestini, oppure lanciate ancora accese dal balcone della cabina o da un ponte esterno).
    Cio' puo' sembrare assurdo ma e' praticamente alla base di quasi tutti gli incendi a bordo scaturiti, appunto, da mancanza di attenzione o, comunque, da atteggiamenti sbagliati e comportamenti pericolosi e assolutamente da evitare. Qualora l'incendio fosse difficile da combattere e iniziasse ad essere considerevole e' necessario l'intervento delle Fire Squads di bordo, squadre di personale addestrato per combattere il fuoco.
    Qui e' possibile che, se la situazione degenerasse un poco, o per precauzione, si passasse ad uno stadio superiore nell'emergenza, dando l'emergenza generale (sette fischi brevi e uno lungo) e avviando i pax, raccogliendoli, nelle musterstation (ripeto anche solo per precauzione).
    In generale si possono avere due scenari successivi: la cessazione dello stato di emergenza con lo spegnimento dell'incendio o l'abbandono nave a seguito dell'impossibilita' e di controllare l'incendio e, tantomeno, di spegnerlo. Da qui, nel secondo caso, si rimanda alla lettura precendente.

    In caso di avvistamento di uomo a mare o nel caso vedessimo proprio l'accadere della "disgrazia" e' necessario dare l'allarme e lanciare un salvagente che si trova nelle passeggiate esterne. In mancanza di un salvagente a portata, si puo' lanciare un qualsiasi oggetto galleggiante. Si diceva quindi di dare l'allarme.... e come?
    Dicendo da che lato e' caduta la persona e mantenendo possibilmente la vista fissa sulla figura del naufrago. Tale allarme deve arrivare immediatamente al ponte di comando, dove l'ufficiale di guardia in quel momento, deve prendere la posizione, far cadere uno degli speciali salvagenti (MOB) che si trovano sotto le alette del ponte di comando, dar l'allarme sonoro tramite la sirena della nave (un fischio). A quel punto, sembrano minuti ma sono attimi, deve metter in atto la Manovra di Williamson che prevede un'accostata di 60░ dalla parte-lato in cui e' caduto il naufrago (questo per allontanare le eliche dal malcapitato) e poco prima di arrivare a concludere i 60░ di accostata, scontrare nuovamente, "girandosi", e, quindi, capitando sulla stessa traiettoria precedente ma con rotta opposta di 180░ e procedere al recupero della persona. Questo nell'ipotesi dell'immediato... Nel caso di un'ipotesi di caduta a mare o di una ricerca di uomo in mare si mettono in pratica assieme ad altre navi degli schemi di ricerca a cerchi o quadrati (con diametro o lato di tot. miglia) concentrici che, man mano, stringendosi sempre piu', fanno giungere la nave sul luogo di piu' probabile posizione del naufrago.


    Queste informazioni sarebbero da leggere e tener presente in modo leggero senza farsi prendere dall'emozione o dal tecnicismo.
    Senz'altro, pero', non hanno l'intento di drammatizzare un momento di spensieratezza come puo' essere una crociera o la preparazione di un viaggio in mare, ma, semplicemente, la voglia di arrivare a voi e di mantenersi in un cassetto della vostra memoria....

  2. #2
    Moderatore Globale
    Data Registrazione
    01-08-2010
    LocalitÓ
    Veneto
    Messaggi
    5,671

    Re: Sicurezza a bordo....

    *grazie serena ! ...oltre ad essere molto interessanti per capire cosa avviene in caso di emergenza a bordo sono anche molto molto utili per arricchire il nostro bagaglio di esperienze !

    credo che a bordo dovrebbero essere comunicate agli ospiti , durante la riunione di benvenuto , le preziose informazioni di sicurezza ! per non far trovare impreparati gli Ospiti ..

    infatti come dicevi te in mare aperto non possiamo lasciare la nave quando vogliamo come se fossimo a terra !

    *grazie
    marcatusso


  3. #3
    Articolista
    Data Registrazione
    12-04-2010
    LocalitÓ
    Italia
    Messaggi
    5,313

    Re: Sicurezza a bordo....

    Prego.... sono contenta che abbiate apprezzato...

  4. #4
    Utenti
    Data Registrazione
    19-03-2011
    LocalitÓ
    Torino
    Messaggi
    68

    Re: Sicurezza a bordo....

    GRAZIE.....Ŕ stata una lettura di grande interesse.....se vi sono altre informazioni utili da conoscere sarei ben lieta di apprenderle......
    rosa

  5. #5
    Amministratore L'avatar di Ro*
    Data Registrazione
    22-10-2009
    LocalitÓ
    Finale Ligure
    Messaggi
    23,630

    Re: Sicurezza a bordo....

    Arricchire i nostri cassetti della memoria Ŕ un bene prezioso, grazie Serena , come si suol dire " Uomo avvisato, mezzo salvato!!
    Rosalba Scarrone
    Amministratore
    Liveboat.it

    Facebook
    Il blog di Rosalba

  6. #6

    Data Registrazione
    17-02-2010
    LocalitÓ
    Monaco
    Messaggi
    5,283

    Re: Sicurezza a bordo....

    Molto interessante
    Eugenio

  7. #7
    Articolista
    Data Registrazione
    12-04-2010
    LocalitÓ
    Italia
    Messaggi
    5,313

    Re: Sicurezza a bordo....

    Come ho gia' detto mi fa piacere che abbiate apprezzato l'intento.

    P.s se aveste domande sull'argomento o qualcosa di nuovo di cui parlare, aprite l'argomento in Tecnica Navale e io cerchero' di rispondervi...
    Alle volte tanti sono gli argomenti di cui parlare che nemmeno io a pensarci trovo lo spunto per discuterne in quanto o troppo tecnici o poco interessanti....

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
  • Il codice BB Ŕ Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] Ŕ Attivato
  • Il codice [VIDEO] Ŕ Disattivato
  • Il codice HTML Ŕ Disattivato