Pagina 1 di 5 123 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 47

Discussione: Riflessioni sul mercato delle navi da crociera

  1. #1
    Articolista
    Data Registrazione
    12-04-2010
    Località
    Italia
    Messaggi
    5,313

    Riflessioni sul mercato delle navi da crociera

    Premesso che non e' mio intento fare polemica, vorrei fare il punto su alcune mie riflessioni inerenti al mondo delle navi da crociera e del mondo delle preferenze, partendo da una realta' italiana come la nostra penisola e la nostra mentalita'.

    Come Italiani noi abbiamo la possibilita' di contare principalmente su due Compagnie (Costa e MSC Crociere).
    Dico "principalmente" perche' a fronte di numerosissime offerte che provengono da altri vettori e gia' da alcuni anni, in Italia ancora la scelta si concentra maggiormente su questi due brands in quanto si pensa di poter trovare un prodotto piu' vicino alle nostre esigenze in termini globali, in termini di cucina e in termini, non dimentichiamoci importanti, di lingua e di usi di bordo.

    Purtroppo cio' porta da un lato a preferire sempre le solite Compagnie che certamente sono ottimi prodotti ma certamente gestiti in un'ottica comunque sempre internazionale cercando di mantenenere ed esaltare una certa linea italianizzante.

    Dall'altro porta a scartare in maggioranza dei casi offerte e mondi che potrebbero confarsi ancor meglio con il proprio sistema di pensare e di intendere una crociera ma che non sposiamo per problemi di organizzazione, diciamo interna...

    Organizzazione in primis negativata dai problemi di lingua.
    Noi sappiamo che in Italia la percentuale di persone che parlano inglese o altre lingue straniere in modo non scolastico, ma assolutamente buono se non ottimo, in modo da non sentirsi a disagio mentre si interagisce con gli altri o mentre ci si circonda di stranieri, e' molto bassa.

    Cio' al contrario di tantissimi altri Paesi dove tale percentuale e' esponenziale e proporzionalmente diretta al rapporto e importanza che nel ciascun loro Paese e sistema si da' alle lingue e culture straniere e all'insegnamento delle stesse.

    Ebbene, sembrerebbe poco, ma oltre a scartarsi moltissimo, sempre in termini di percentuale, nel mondo del lavoro e della globalizzazione salvo casi delle generazioni piu' recenti che migrano all'estero (ma non certo tutti i giovani italiani potrebbero farlo), ci si scarta anche in vacanza non andando ad osarsi con alternative ben piu' allettanti delle solite maggiormente frequentate da noi. Cio', in Italia, porta a termini di preferenza altissimi verso i soliti prodotti e le solite Compagnie.
    Ma non perche' quelle sono le piu' brave o le piu' belle e le migliori... ma anche per comodita'.

    Per contro...
    Ci si sta affacciando a poco a poco nell'internazionalita' di altri brands ma il problema e il gap che si riscontra quando si va a prenotare e' sempre l'incertezza del trovare o meno un'assistenza italiana. Ed e' questo che pesa moltissimo nelle preferenze espresse che poi si traducono in prenotazioni e partenze effettuate.
    Quanti sono quelli che sfogliando i cataloghi di molte Compagnie straniere rinunciano a partire su compagnie diverse e non italiane per questi motivi? Tantissimi!!!!
    E sono gli stessi che vanno ad accrescere le prenotazioni dei colossi italiani.

    In Mediterraneo per fare un esempio vicino a noi, abbiamo quest'anno il piu' alto numero di navi da crociera stanziate di tutti i tempi passati...
    Cio' cosa comporta? Una maggior offerta e una strabiliante stagione frutto di novita' e strategie da parte di tutti..
    Ma non porta e nei prossimi anni non portera' ad un'omogenea distribuzione del passeggero italiano che sceglie un po' su tutto. Avremo quest'anno e i prossimi un riempimento di tali navi da parte di qualche italiano, (questo si'), ma, soprattutto, da parte di stranieri che di certo non hanno molti problemi con la lingua quando la lingua ufficiale di bordo e' l'inglese.

    Lo spauracchio, infatti, di ritrovarsi a comunicare in vacanza a gesti dopo aver pagato migliaia di euro e' sempre dietro l'angolo per l'italiano medio e, secondo me, e' anche un pochino imbarazzante e frustrante.
    Ecco dunque, documentandosi e sentendo le esperienze di alcuni e in base alla propria mentalita', il ripensamento di prenotare a bordo di una nave straniera... per questioni puramente relative alla comodita' dell'essere.

    Certo questi problemi non sono riscontrati a bordo delle navi italiane da parte degli stranieri... Ma perche'?
    Perche' il numero di stranieri sulle navi italiane o italianizzanti e' maggiore rispetto al numero di italiani nelle varie altre navi straniere che navigano non con il tricolore a poppa o nel cuore. E anche perche', in ragione di cio'. l'assistenza agli stranieri su quelle navi, non si puo' nemmeno definire "assistenza" in quanto spettacoli, e via dicendo, sono introdotti in piu' lingue al pari dell'italiano (lingua ufficiale di bordo), annunci di bordo piu' o meno importanti sono ugualmente eseguiti in varie lingue (tanto e' vero che per dire una cosa ci vogliono almeno dieci minuti di lettura)...

    Certo per noi italiani a bordo delle navi straniere dove scegliamo di navigare ben che vada avremo il menu' che sara' pure scritto e recapitato al tavolo in italiano, il programma del giorno anche in scritto in italiano, qualche piatto italiano rivisitato in chiave internazionale si potra' trovare... ma e' tuttocio' sufficiente per far migrare percentuali alte di italiani e per accontentarle?

    Io dico di no... e sinceramente, ci vorranno anni e cambiamenti di mentalita' da entrambe le parti affinche' si arrivi a grandi numeri di occupazione, in quanto si dovra' vincere, da un lato, quello stato di indecisione iniziale che poi, per contro, si risolvera' in un'altra prenotazione Made in Italy (diciamo cosi') e dall'altro ci vorra' ben altro per incrementare il numero di italiani e convicerli a passare da loro...

    Questo a mio modesto parere...

  2. #2
    Special User
    Data Registrazione
    24-11-2009
    Località
    Montecelio
    Messaggi
    2,496

    Re: Riflessioni sul mercato delle navi da crociera

    Citazione Originariamente Scritto da Serena87
    annunci di bordo piu' o meno importanti sono ugualmente eseguiti in varie lingue (tanto e' vero che per dire una cosa ci vogliono almeno dieci minuti di lettura)...
    Anche sulle navi non Italiane gli annunci sono dati in più lingue (Italiano, Francese, Spagnolo, Tedesco, Russo, Giapponese, etc. etc.)

  3. #3
    Amministratore L'avatar di Ro*
    Data Registrazione
    22-10-2009
    Località
    Finale Ligure
    Messaggi
    23,630

    Re: Riflessioni sul mercato delle navi da crociera

    Confermo su Navigator per esempio c'erano anche gli annunci in italiano.
    Rosalba Scarrone
    Amministratore
    Liveboat.it

    Facebook
    Il blog di Rosalba

  4. #4
    Articolista
    Data Registrazione
    12-04-2010
    Località
    Italia
    Messaggi
    5,313

    Re: Riflessioni sul mercato delle navi da crociera

    Beh non e' questione di soli annunci secondo me...
    Io comunque ho letto in questi giorni, in qualche diretta recentissima, non ricordo quale, di annunci non in italiano.
    Comunque non e' questione di annunci. E' questione che forse dopo aver pagato migliaia di euro mi aspetto che non mi gesticolino per comunicare con me.

  5. #5
    Articolista
    Data Registrazione
    12-04-2010
    Località
    Italia
    Messaggi
    5,313

    Re: Riflessioni sul mercato delle navi da crociera

    E' una questione generale.

  6. #6
    Special User
    Data Registrazione
    24-11-2009
    Località
    Montecelio
    Messaggi
    2,496

    Re: Riflessioni sul mercato delle navi da crociera

    Citazione Originariamente Scritto da Serena87
    E' questione che forse dopo aver pagato migliaia di euro mi aspetto che non mi gesticolino per comunicare con me.
    però, ho letto (sia qui che di là) di molti camerieri su Costa & MSC che non parlano l' Italiano

  7. #7
    Articolista
    Data Registrazione
    12-04-2010
    Località
    Italia
    Messaggi
    5,313

    Re: Riflessioni sul mercato delle navi da crociera

    Ma cokj qui si sta sempre discutendo di Costa e Msc e sembra che da altre parti sia oro colante dai fumaioli.
    I lavoranti di Costa e Msc sono presi da agenzie del tutto uguali a quelle dove reclutano personale per altre Compagnie.
    Voglio dire l'ipotetico cameriere Luis puo' lavorare sia in Costa che in Royal.

    Il discorso mio era interfacciato da un lato all'handicap che il turista medio e anche crocierista medio italiano ha, cioe' il rapporto con la lingua straniera, e dall'altro alcuni servizi che, su navi straniere, per poter incrementare il numero di italiani, dovrebbero essere variati un po'. Perche' poi sembra che si prenoti Costa e Msc per i servizi che si hanno. Ma a fronte di una crescente offerta di navi e Compagnie varie, non c'è un incremento proporzionale in numeri di italiani a bordo di navi straniere come ci si aspetterebbe ci fosse... anche perche' la curiosita' verso di loro c'è e, forse anche molta, ma nelle prenotazioni sembra arrestarsi l'entusiasmo.

  8. #8
    Amministratore L'avatar di Ro*
    Data Registrazione
    22-10-2009
    Località
    Finale Ligure
    Messaggi
    23,630

    Re: Riflessioni sul mercato delle navi da crociera

    Ho trovato su Navigator almeno 10 crew che avevano lavorato per Costa ed erano gli unici che parlavano un po' di italiano.
    Ovviamente sono molti su Costa a non parlarlo, ma se si trattengono qualche mese poi lo acquisiscono e penso che tutto sommato per loro sia un arricchimento visto che le Compagnie straniere hanno " invaso " il campo serviranno a bordo sempre piu' persone che presentandosi alle selezioni sapendo un po' di italiano avranno una marcia in piu' rispetto ad altri da assumere nel Mediterraneo.
    Rosalba Scarrone
    Amministratore
    Liveboat.it

    Facebook
    Il blog di Rosalba

  9. #9
    Articolista
    Data Registrazione
    12-04-2010
    Località
    Italia
    Messaggi
    5,313

    Re: Riflessioni sul mercato delle navi da crociera

    C'è il cameriere che non parla italiano ma si fa capire.
    C'è il cameriere che parla l'italiano perche' magari e' 10 anni in quella Costa.
    E ci dovrebbe essere anche un cameriere che bofonchia qualcosa in italiano anche se non sei su Costa.

    p.s. a bordo delle navi di qualsiasi Compagnia vengono effettuati corsi di lingua per interagire con il pubblico soprattutto mirati a dare una possibilita' base di comunicare a chi e' a secco di quella lingua... Fa parte delle attivita' del welfarecrew.

  10. #10
    Special User
    Data Registrazione
    24-11-2009
    Località
    Montecelio
    Messaggi
    2,496

    Re: Riflessioni sul mercato delle navi da crociera

    Serena87,
    le prime considerazioni che avevi fatto, secondo me, erano giuste. Noi Italiani siamo come gli Anglosassoni (Inglesi & Statunitensi) non studiamo le lingue (io per primo). Ma al contrario loro l' Italiano si parla solo in Italia e a bordo di navi Italiani (non sempre...).

    Abbiamo paura di cambiare, come scivi tu spendo tot mila euro e non voglio rischiare.

    La mia prima crociera fu Carnival poichè a Giugno Costa & MSC non navigavano nei Caraibi. Io faccio amicizia in baleno e gli Americani mi consigliarono una classe Voyager di RCCL, seguiti alla lettera, la seconda fu Explorer OtS (colpo di fulmine :P ). A bordo comprai subito un' altra crociera per il Voyager OtS, il venditore era Italo-Americano (Ferrari...) e mi disse "però adesso provate anche Costa (ci aveva lavorato) & MSC, così non ci lascerete mai!", ancora non seguo il suo consiglio.

    Secondo me tutte le compagnie vendono un prodotto buono, bisogna provare e trovare quell oa noi più consono, io viaggio con Royal Caribbean, ma la mia compagnia preferita è Celebrity Cruises (almeno delel tre provate fino ad ora).


    Io sono fiero di essere Italiano, ma in vacanza preferisco non essere circondato dai miei "compaesani".

Pagina 1 di 5 123 ... UltimaUltima

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •