Giriamo questo comunicato stampa lanciato da Costa Crociere

PESCATORI CINESI RENDONO OMAGGIO
A COSTA CROCIERE PER IL SOCCORSO RICEVUTO



I rappresentanti dei 12 pescatori salvati da Costa Victoria nel Mar Cinese Meridionale a inizio
novembre, sono andati a Sanya, nell’isola di Hainan, per esprimere la loro gratitudine all’equipaggio
della nave.

Shanghai, 4 dicembre 2014 – Lo scorso 2 novembre Costa Victoria aveva tratto in salvo 12 pescatori
dall’incendio occorso sulla loro imbarcazione nel Mar Cinese Meridionale. La nave da crociera stava
navigando da Hong Kong a Sanya, quando il Primo Ufficiale di guardia aveva avvistato il
peschereccio in fiamme e aveva dato immediatamente l’allarme al Comandante e al Comandante
in Seconda, che avevano deciso di deviare la rotta per prestare soccorso. I 12 pescatori erano stati
salvati e assistiti con cure mediche dall’equipaggio di Costa Victoria. La nave si era inoltre attivata
nella ricerca degli altri pescatori dispersi, in collaborazione con un elicottero della guardia costiera
di Sanya che aveva raggiunto la zona. In accordo con le Autorità competenti, Costa Victoria aveva
poi ripreso la sua rotta programmata, portando i 12 pescatori al sicuro a Sanya.
A seguito del salvataggio, i 12 superstiti cinesi hanno contattato Costa Crociere per esprimere la loro
più profonda gratitudine e hanno chiesto di poter ringraziare personalmente il Comandante e il suo
equipaggio in un incontro avvenuto a Sanya, dove Costa Victoria ha fatto nuovamente scalo. “A
nome mio e del mio equipaggio, vorrei rivolgere il nostro sincero ringraziamento a Costa Victoria per
essere intervenuta in nostro soccorso, portandoci in salvo e permettendoci di avere una seconda
possibilità in questo mondo. L’istinto eroico del suo equipaggio ci ha permesso di essere qui oggi” ha
dichiarato uno dei pescatori tratti in salvo.
Costa Crociere è fortemente impegnata in iniziative socialmente responsabili nei confronti dei suoi
dipendenti, dei suoi ospiti e delle comunità in opera, soprattutto in mare. Costa Crociere mette
dunque in atto tutte le iniziative necessarie per fornire assistenza a chiunque si trovi in potenziale
pericolo. Questo incidente ha dimostrato il reale impegno di Costa nella responsabilità sociale
d’impresa e verso la sicurezza.
Il Comandante di Costa Victoria, Paolo Viscafé, ha dichiarato: “Costa ha sempre avuto la sicurezza in
mare come sua priorità assoluta. In quanto azienda socialmente responsabile, sentiamo il dovere di
impegnarci nel fornire assistenza, qualora ce ne sia bisogno. Il Mar Cinese Meridionale fa parte di
un’area in cui l’Azienda è fortemente presente e impegnata. Entro il 2015, tre navi Costa saranno
posizionate in questo mercato: questo significa che il nostro impegno per garantire la sicurezza in mare
sarà ancora più grande. Costa Crociere continuerà a perseguire il principio del ‘rispetto della vita sopra
ogni cosa’, dando il proprio contributo alla sicurezza di tutti gli individui”.