24.03.2016 VENEZIA
Sono le 5 del mattino di giovedi’ 24 marzo e la mia nuova avventura incomincia qui: quando prendo il treno regionale che mi porterà a Milano Centrale dove ho il cambio per il Freccia Bianca che mi porterà a Venezia. Il viaggio procede bene e alle 10 mi trovo al terminal Isonzo per il check-in. Pochi giorni prima della partenza scopro con piacere che msc mi ha cambiato la cabina con una balcone aurea al ponte 12,quindi al check in posso usufruire dell’imbarco prioritario (unico beneficio concesso a chi ha ricevuto l’upgrade in aurea, gli altri vantaggi non sono compresi). Alle 12 incomincia l’imbarco, passiamo il controllo dei bagagli e poi finalmente siamo a bordo. Msc Magnifica mi ricorda molto la gemella Poesia sulla quale ho già trascorso una fantastica settimana la scorsa estate, gli interni sono molto belli e la piscina con la copertura da una marcia in più a questa nave rispetto alle gemelle di classe Musica. Dopo pranzo facciamo un giro alla scoperta della nave e poi ci concediamo un idromassaggio rilassante prima di partecipare alla prova di emergenza generale e di assistere alla partenza da Venezia. Alle 18 in perfetto orario lasciamo gli ormeggi e assistiamo alla bellissima partenza dal ponte 14,come sempre è stata un’esperienza fantastica ma farla al tramonto come questa volta ha dato ancora un tocco di magia in più a questa bellissima crociera. Dopo la partenza mi reco a fare qualche acquisto nei negozi di bordo e poi vado a teatro per assistere allo spettacolo di questa sera,il peggiore che abbia mai visto su una nave msc…per fortuna si rifaranno con quello della sera successiva. Quando torno in cabina per cambiarmi trovo la cabina in condizioni igieniche veramente pessime: le lenzuola erano piene di macchie gialle e nel mio letto erano presenti dei capelli lunghi neri, inoltre sul pavimento erano presenti dei segni di terra che non andavano via, dopo due volte che chiamo in reception e non succede nulla decido di scendere direttamente a lamentarmi visto che anche quando siamo entrati il riscaldamento non andava e sono dovuti venire dei tecnici a sistemarlo (notare che sarebbe una cabina aurea),alla fine dopo le mie lamentele si scusano e fanno rifare la cabina al cabinista…peccato che alla fine ci siano ancora capelli neri nel letto e macchie di terra sul pavimento, decido quindi di non rovinarmi la vacanza e di lasciare perdere anche se poi segnalerò tutto nel questionario a fine crociera. Chiusa questa parentesi sulla cabina continuo con il racconto della serata; dopo lo spettacolo siamo andati a cena, come sempre il servizio è stato impeccabile e il cibo molto buono. La serata infine prosegue con un caffè al bar della piscina e un salto in discoteca ,poi decidiamo di andare a letto perché domani ci sveglieremo presto per andare alla scoperta di Koper.