Cagliari, pronto nuovo terminal crociere
Oggi taglio del nastro, diecimila metri quadrati e area verde

Cagliari, pronto nuovo terminal crociere-cagliari-jpg

Una superficie di diecimila metri quadrati all'interno del porto di Cagliari. Con uno spazio al coperto di mille, caratterizzato dalla presenza di grandi vetrate che danno luce all'interno. Attorno, poi, un'area verde. Il nuovo terminal crociere è pronto. Una grande festa, per celebrare una struttura molto importante per il futuro del settore delle navi vacanza che portano i turisti in città.
La gestione è affidata alla Cagliari Cruise port: la sede è il molo Rinascita, consolidato punto di approdo delle navi da crociera in grado di assorbire la presenza anche di due giganti del mare contemporaneamente. Come accadrà il prossimo 31 luglio quando il porto ospiterà la Carnival Vista, nave dalla capienza di cinquemila turisti, e la Navigator of the Seas di Royal Caribbean. La Carnival Vista, realizzata a Monfalcone da Fincantieri, ha preso il mare a maggio per il primo viaggio. In occasione della inaugurazione del terminal, incontro sul tema "Crociere, turismo sostenibile, Sud Sardegna e porto di Cagliari", nella Sala Conferenze della Camera di Commercio.

NUOVO TERMINAL PORTA TURISMO PER L'ISOLA - Terminal crociere di Cagliari porta di accesso dei turisti al resto dell'Isola: nel programma di inaugurazione della nuova struttura al molo Rinascita c'è anche un viaggio nel Sulcis con gli esperti in crociere dei tour operator e degli agenti marittimi. Uno spazio al servizio del territorio. I numeri sono dalla parte del movimento crociere nel capoluogo sardo.
"I dati - sottolinea Cagliari Cruise Port - indicano che si è passati dalle 28 toccate e dai quasi 47.000 passeggeri del 2004 alle 97 e ai quasi 267.000 passeggeri del 2015. Il 2016 non fa eccezione e promette di raggiungere a fine stagione il numero record di quasi 300.000 passeggeri movimentati con un incremento di circa il 12% rispetto all'anno precedente".
"Abbiamo sempre creduto in questa destinazione - spiega Karina Santini, presidente di Cagliari Cruise Port e Pr&Med Port Development Manager di Royal Caribbean Italia - è uno scalo importante per le compagnie crocieristiche che scelgono di inserire Cagliari nella propria programmazione anche grazie alle bellezze naturali che è in grado di offrire".
"In questi anni - aggiunge - abbiamo assistito a un incremento del traffico crocieristico anche da parte di compagnie internazionali e questo ha comportato l'arrivo di turisti da ogni parte del mondo: questa varietà di nazionalità si traduce in un'opportunità per il porto, la città e la regione Sardegna di far conoscere anche oltreoceano il proprio territorio e le sue tipicità esclusive". Una stretta collaborazione con le istituzione e il territorio. "Il nostro continuo impegno - afferma Antonio Di Monte, amministratore delegato di Cagliari Cruise Port - la collaborazione con le autorità locali e gli investimenti mirati ci hanno permesso di raggiungere questi risultati.
Un altro momento sicuramente molto importante per noi è la tavola rotonda del 21 luglio, che ci permetterà di raccogliere riflessioni e opinioni utili per costruire delle linee guida alla base dei programmi e dei progetti di ulteriore crescita del comparto, con particolare riferimento al rafforzamento del ruolo di home-port del terminal crocieristico di Cagliari".
CONFCOMMERCIO, PORTERA' LAVORO E SVILUPPO - Terminal crociere importante anche per il tessuto commerciale sardo. E Confcommercio saluta con soddisfazione l'inaugurazione della nuova struttura nel molo Rinascita del porto di Cagliari.
"Cagliari Cruise Port, azienda di capitali privati che investe quasi un milione di euro per la costruzione del terminal crociere sul molo Rinascita, ha convinto i nostri associati che, anche se con grandi sacrifici, hanno creduto in questa iniziativa ed hanno investito con i propri prodotti in questo evento", commenta per Confcommercio Sud Sardegna Emanuele Garzia.
"Le aziende sarde che noi rappresentiamo - sottolinea - hanno compreso la bontà del progetto e il grande potenziale di sviluppo del comparto, con ricadute economiche sul territorio, a medio e lungo termine". Il presidente di Confcommercio Sud Sardegna e presidente regionale dell'associazione, Alberto Bertolotti, evidenzia che "queste iniziative e il lavoro che è stato fatto negli scorsi mesi potranno certamente portare benefici all'intero territorio sardo. Occorre sempre più puntare sul turismo e sulle attività connesse per rilanciare lo sviluppo dell'Isola, competendo a livello internazionale con altre mete".


Fonte: www.ansa.it