Diario di bordo:

3 Ottobre 09 sabato - Quebec City
Lasciamo la nave, dopo l’ultima notte trascorsa a bordo, intorno alle 9,30 con non poca nostalgia.

In banchina ci attende il pullman che ci condurrà all’aeroporto per il rientro in Italia.

La partenza è prevista per noi alle 16,25 e per i nostri compagni di viaggio alle 18.

Ci sarà il tempo di effettuare due soste durante il percorso.

Il panorama e gli scenari che si presentano agli occhi sono davvero suggestivi.

Protagonista è il “foliage” del Quebec: quando la natura accende i caldi colori d’autunno.

E’ questo infatti il periodo migliore, quando l’estate lascia il posto all’autunno, per ammirare la mutazione dei colori delle foglie; il foliage, appunto.

Percorrendo a bordo del pullman la strada che attraversa immensi boschi, gli sguardi sono catturati da quanto di bello offra la natura. Colori che neanche le sapienti mani di grandi pittori potrebbero riprodurre. Direi che finale migliore non poteva regalarci questo splendido viaggio.

Dopo una sosta in un villaggio indiano artefatto, ma riprodotto soprattutto per la vendita ai turisti di prodotti più o meno tipici, raggiungiamo l’aeroporto, dove, l’eccessivo affollamento dello stesso, ci costringe ad un’estenuante attesa di circa un’ora a bordo del pullman.

All’interno dell’aeroporto il solito serpentone di coda; a questo punto le nostre strade si dividono.

Gli ultimi saluti agli amici compagni di viaggio. Ora la vacanza è davvero finita. Domattina alle 7 arriveremo a Milano Malpensa. Ed inizierà la nostalgia dei bei ricordi