Fincantieri quotata in borsa

Download PDF

La Fincantieri, nata dall’IRI come società finanziaria di stato per la cantieristica sul modello della Finmare, finanziaria per la flotta mercantile, (attraverso cui lo stato assumeva il controllo di quasi tutti i grandi gruppi cantieristici dell’epoca CRDA, OTO e Ansaldo), è stata fondata il 29 dicembre 1959.

Nel Documento di programmazione economica e finanziaria del 2008 era prevista la quotazione della Fincantieri alla Borsa di Milano, ma alla luce della crisi finanziaria mondiale, l’azienda ha accantonato tale progetto.
Il 16/06/2014 Fincantieri è stata lanciata alla borsa di Milano con una giornata evento!

Citazione da Panorama Fincantieri quotata in borsa foto Di Gangi
E’ partita il 16 giugno e si concluderà il 27 di questo mese la prossima quotazione di Fincantieri, colosso delle costruzioni navali oggi di proprietà dello stato. I titoli della società saranno negoziati sul listino a partire dal 3 luglio. Sul mercato di Piazza Affari, verranno collocate quasi 704 milioni di azioni Fincantieri, di cui 600 milioni derivano da un aumento di capitale mentre altre 100 milioni circa saranno cedute da Fintecna, società pubblica che controlla Fincantieri. Il prezzo dei titoli è compreso tra 78 centesimi e 1 euro. Nell’ipo, non ci sarà molto spazio per i risparmiatori privati poiché l’80% delle azioni verrà offerto investitori istituzionali mentre soltanto il 20% circa andrà al pubblico indistinto e ai dipendenti.
Nel dicembre 2012, Fincantieri acquista per 900 milioni di euro STX OSV Holdings Ltd, il più grande costruttore di mezzi di supporto alle attività di estrazione e produzione di petrolio e gas naturale. L’acquisizione sarà operata da Fincantieri Oil&Gas per un totale di 455 milioni di euro per l’acquisto del 50.75%, che poi diventeranno 900 milioni quando verrà lanciata l’Opa, finanziata da mezzi propri e da un pool composto da Banca Imi, Bnp Paribas, Carige e Unicredit, Cassa Depositi e Prestiti: il prestito è garantito da SACE, l’operazione vedrà il suo closing ad aprile 2013[2][3]. Questa operazione significa per Fincantieri l’ingresso nel settore della navalmeccanica offshore.


Nel corso del 2013 STX OSV è stata ridenominata Vard[4], da Varde, tipica torre di pietra usata in Norvegia come faro per la navigazione, posta lungo le coste[5].

 

Foto di Di Gangi

COPIA SNIPPET DI CODICE

Comments are closed.