Incendio nave italiana, salvi passeggeri e equipaggio

Download PDF

Nave in fiamme

Un incendio è divampato oggi a bordo della motonave Sorrento, della Compagnia Grimaldi, battente bandiera italiana, a circa 20 miglia da Palma di Majorca. E’ stato dato l’abbandono nave: i passeggeri e l’equipaggio sono stati tratti in salvo da un’altra nave italiana, “Puglia”, di proprieta’ di Tirrenia, noleggiata alla compagnia spagnola Balearia.

L’incendio è avvenuto a ponte 4 del traghetto e si è poi esteso ad altre aree della nave. A bordo – secondo prime informazioni – vi erano poco più di 150 persone, oltre ad un numero imprecisato di componenti dell’equipaggio, che sono stati tratti in salvo. Tra i passeggeri non dovrebbero esserci italiani. L’intervento di soccorso, che ha coinvolto numerose navi, è avvenuto in acque spagnole ed è stato coordinato da Madrid dalla Guardia Costiera iberica, con il concorso da Roma della Guardia Costiera italiana.

A bordo della nave, al momento dell’incendio, c’era l’equipaggio composto da 46 persone e 160 passeggeri, oltre al carico di auto e camion. La motonave ‘Sorrento’, di proprietà della società Grimaldi di Napoli, è stata ceduta in noleggio circa tre mesi fa alla compagnia spagnola Transmediterranea. Sono stati i responsabili della società armatrice spagnola a contattare gli armatori napoletani per denunciare l’accaduto.

14 italiani tra componenti equipaggio – Tra i 46 componenti dell’equipaggio del traghetto Sorrento, in fiamme in acque spagnole, vi erano 14 italiani, che sono tutti salvi. Anche loro, insieme agli altri componenti dell’equipaggio e ai passeggeri del “Sorrento”, si trovano ora a bordo della nave “Puglia”.

Non più governato dall’equipaggio, che per ultimo ha lasciato la nave in fiamme, il traghetto “Sorrento”, che faceva la spola tra Valencia e Palma di Maiorca è ora alla deriva a circa 20 miglia a est dell’isola di Maiorca. Dalla nave – dove sono ancora visibili fiamme – si alza una densa colonna di fumo.

Costruita nel 2003, collega Valencia a Baleari – La motonave Sorrento è stata costruita nel 2003 e ha una stazza di circa 26 mila tonnellate. Pochi mesi fa la Grimaldi l’ha ceduta in noleggio agli spagnoli della Transmediterranea per la cui compagnia la nave effettua collegamenti tra Valencia e le isole delle Baleari Palma di Maiorca e Minorca. Secondo le prime testimonianze l’operazione di messa in salvo di passeggeri ed equipaggio è avvenuto senza che si verificassero a bordo situazioni di particolare panico.

Tre feriti, tutti membri dell’equipaggio – E’ di tre feriti il bilancio dell’incendio divampato a bordo del traghetto Sorrento, della compagnia Transmediterranea, con a bordo 170 passeggeri, che navigava al largo dell’isola di Maiorca. Si tratta di tre membri dell’equipaggio, tutti intossicati dal fumo.

Fiamme due ore dopo partenza da Palma Maiorca – Il traghetto Sorrento gestito dalla compagnia Spagnola Acciona Trnasmediterranea, di proprietà dell’armatore italiano Grimaldi, che copre la rotta Palma- Valenzia, era partito dal porto dell’isola delle Baleari alle 11,50, con 170 passeggeri a bardo, molti dei quali residenti a Maiorca. Circa due ore dopo, per cause in corso di accertamento, ha lanciato l’allarme per un incendio a bordo, ai motori, informa il servizio di salvataggio marittimo. Il fuoco si sarebbe esteso rapidamente a tutta l’imbarcazione, sprigionando una densa colonna di fumo nero visibile da varie miglia di distanza. In suo soccorso, a 35 miglia da Maiorca, la Capitaneria delle Baleari ha fatto convergere tre navi che erano in zona: il cargo ‘Puglia’ di Balearia, che era partito da Ibiza; la vedetta del salvataggio marittimo Salvamar Acrux, e il Visemar One, sempre della compagnia Balearia. E’ previsto che, con i passeggeri trasbordati, sbarcheranno alle 18,00 nel porto di Palma di Maiorca.

Quattro mesi fa la tragedia del Norman Atlantic – L’incendio odierno a bordo del traghetto Sorrento ha ricordato quello, con un bilancio tragico, del Norman Atlantic, avvenuto il 28 dicembre dello scorso anno, nel Canale d’Otranto. La nave era in viaggio tra Igoumenitsa e Ancona con a bordo 443 passeggeri, 56 membri dell’equipaggio ed almeno sei clandestini. L’incendio si sviluppò al ponte quattro del Norman: nel naufragio morirono 11 persone e vi furono 18 dispersi; oltre 450 persone furono salvate dai soccorritori. Durante i tentativi di prendere a rimorchio il relitto, il 30 dicembre, due marinai del rimorchiatore albanese Iliria morirono per la rottura di un cavo. Il relitto del Norman Atlantic fu poi rimorchiato a Brindisi, dove giunse il 2 gennaio scorso.

Fonte © Copyright ANSA

COPIA SNIPPET DI CODICE

Comments are closed.