ll Comando Generale delle Capitanerie di Porto ordina innalzamento del Security Level da 1 a 2 in tutti i terminal passeggeri italiani.

Il Comando Generale delle Capitanerie di Porto, tramite la propria centrale operativa IMRCC, ha divulgato un ordine, firmato dall’Ammiraglio Vincenzo Melone, di innalzamento del Security Level da 1 a 2 in tutti i terminal passeggeri italiani.

porto di Savona

 

In base alla Convenzione SOLAS (Safety of Life at Sea) e il codice ISPS (International Ship and Port Facility Security Code), la security marittima opera a tre possibili livelli:

 

Livello di sicurezza 1 (SL1)

Livello per il quale le misure minime appropriate di sicurezza protettiva devono essere mantenute in ogni momento

Livello di sicurezza 2 (SL2)

Livello per il quale appropriate misure addizionali di sicurezza protettiva devono essere mantenute per un periodo di tempo, come risultato di un accresciuto rischio di incidenti alla sicurezza

Livello di sicurezza 3 (SL3)

Livello per il quale ulteriori misure protettive specifiche di sicurezza devono essere mantenute per un limitato periodo di tempo quando un incidente di security è probabile o imminente, anche qualora non sia possibile identificare il bersaglio specifico.

Trieste

 

L’ordine di passare a SL2 deriva probabilmente da un’informativa dei nostri servizi di intelligence che potrebbe aver indicato il rischio di possibili attacchi terroristici a navi o terminal passeggeri.

Tecnicamente in che cosa consiste questo cambio di livello? Tra le misure di sicurezza più importanti che i terminal passeggeri dovranno mettere in atto ricordiamo:

 

  • aumento del personale per il controllo e la sorveglianza del porto e per individuare eventuali attività che si configurino come sospette;
  • autorizzazione preventiva per l’accesso di tutte le persone nell’area;
  • intensificazione dei controlli sulle banchina dove sono ormeggiate le navi;
  • limitazione dell’accesso al porto solo a chi ne ha comprovata necessità;
  • intensificazione dei controlli su container e merci caricate sulle navi.Napoli

Questo articolo ha unicamente lo scopo di informare chi è in partenza e non creare allarme, in questi casi maggiori sono i controlli e piu’ ci si deve sentire sicuri, tutti noi sappiamo che stiamo vivendo un momento storico molto difficile e il mezzo migliore per superarlo è rimanere informati. Fino ad oggi l’Intelligence italiana ha lavorato ottimamente, affidiamoci quindi a loro e seguiamo le direttive che ci verranno date nei porti.

Da sottolineare il fatto che le navi da crociera e i terminal che le servono, già a SL1 operano con controlli capillari (nella misura del 100%) su tutti i passeggeri e i loro bagagli. Le procedure di imbarco delle navi da crociera non dovrebbero subire ritardi o modifiche sostanziali.

Ogni terminal ha comunque le proprie procedure di sicurezza, che naturalmente non possiamo conoscere, ma che sicuramente saranno più restrittive con l’innalzamento del Livello di Sicurezza. E’ possibile, quindi, che non sia permesso l’accesso al terminal alle persone non munite di regolare biglietto crociera (eventuali parenti o amici accompagnatori) o che il parcheggio dell’auto privata in area portuale venga limitato a casi eccezionali o addirittura vietato.

Consideriamo che nei terminal crociere ci sono già controlli capillari al 100% tutto viene controllato, merci, bagagli, persone al 100% come negli aeroporti , cambia qualcosa nei traghetti, dove invece a SL1 si fa una percentuale random di controlli, ora verrà quindi aumentata a SL2 con le conseguenze che per esempio a Genova, dove già con SL1 si creano ingorghi, immaginiamo con controlli capillari di auto e TIR.

Sono unicamente deduzioni, perchè non si alza quasi mai il livello a SL2, ma potrebbero esserci ingorghi che causeranno una ricaduta anche sull’imbarco delle crociere. Partite quindi con largo anticipo per raggiungere la vostra nave.

Speriamo di essere stati utili con questo articolo.
Rosalba Scarrone in collaborazione con R.O.
Amministratore e Blogger
www.liveboat.it

 

COPIA SNIPPET DI CODICE
  • Gerarda Tucci

    Ne sono felicissima che ci siano più controllo e per la nostra sicurezza , e se dobbiamo partire prima per imbarcarci va bene così l’importante che si viaggi sicuri e poi ancora di più se si va in vacanza ! Bisogna essere sereni di vivere una crociera !

    • Ro

      Ciao Gerarda, infatti, piu’ controlli ci saranno e meglio sarà per tutti noi, ho voluto inserire questo articolo per avvisare i crocieristi, di partire per tempo per raggiungere le navi, potrebbero formarsi code all’ingresso nei porti e agli imbarchi.