MSC Crociere e Fincantieri celebrano il Float-out di MSC Seaside

 

Tocca il mare la nuova MSC Seaside compreso il comparto crocieristico, la ricaduta economica totale del gruppo MSC in Italia è di circa 5 miliardi di euro l’anno.

 MSC Seaside, tocca il mare

Monfalcone (Gorizia), 26 novembre 2016MSC Crociere – la più grande compagnia di crociere a capitale privato al mondo e leader di mercato in Europa, Sudamerica e Sudafrica, e FINCANTIERI,  uno dei maggiori gruppi cantieristici al mondo, hanno celebrato il “float-out” di MSC Seaside. Si tratta della prima delle due mega-navi di nuova generazione di MSC Crociere che entreranno in servizio tra giugno e dicembre 2017. La cerimonia si è svolta oggi presso il cantiere di Monfalcone, dove si sta costruendo la nave.

 

MSC Seaside è un pilastro centrale nel piano industriale da 9 miliardi di euro di MSC Crociere che prevede la costruzione di 11 navi di prossima generazione che entreranno in servizio tra il 2017 e il 2026. L’investimento per la realizzazione di MSC Seaside è pari a 700 milioni di euro e ha visto coinvolte oltre 2.000 persone al mese tra maestranze dirette e indirette di FINCANTIERI che operano da maggio 2014 e che proseguiranno almeno fino al 2018 per la realizzazione della seconda nave classe Seaside, MSC Seaview, cui si devono aggiungere altre 1.300 unità nei mesi di picco.

MSC Seaside

Con l’impiego di oltre 10 milioni di ore di lavoro, FINCANTIERI consegnerà a MSC Crociere un vero e proprio gioiello interamente ispirato allo stile Mediterraneo. Quello tra MSC Crociere e FINCANTIERI è un sodalizio di lunga data, che riguarda anche gli interventi di manutenzione e refitting sulle navi della flotta MSC Crociere e il “Programma Rinascimento”, straordinaria impresa ingegneristica del valore di 200 milioni di euro, compiuta nello stabilimento Fincantieri di Palermo che ha  comportato l’allungamento di 4 navi già in servizio rendendole ancora più ricche di spazi e  customizzandole per i mercati a cui esse sono  destinate.

 

Pierfrancesco Vago, Executive Chairman di MSC Crociere ha commentato: “La Blue Economy – o, l’economia del mare – è uno dei settori più rilevanti dell’economia del nostro Paese. Rappresenta il 3,5% del PIL nazionale e si tratta di un settore basato sull’economia reale, che produce posti di lavoro e risultati tangibili e per questo motivo merita la giusta attenzione delle istituzioni per sostenerla nel beneficio che porta al Paese e stimolarne l’ulteriore crescita. Il gruppo MSC – di cui MSC Crociere fa parte – è orgoglioso di poter contribuire in modo determinante a questo settore e ha progetti ambiziosi per il futuro che sono destinati a generare ulteriore impatto economici e occupazione attraverso investimenti sia del comparto crociere che delle altre aree in cui è impegnato in Italia – dal cargo, ai traghetti sino alla gestione dei terminal“.

 

Compresa la costruzione delle nuove navi, si stima che la ricaduta economica totale generata in Italia nel 2016 da tutto il Gruppo MSC – di cui MSC Crociere fa parte – sia pari a circa 5 miliardi di euro, ovvero più del 4% della produzione della Blue Economy in Italia la cui ricaduta diretta e indiretta oggi vale circa 123 miliardi di euro.

 

Giuseppe Bono,  Amministratore delegato di FINCANTIERI, ha dichiarato: “Vedere questa nave che prende forma ha un valore che non è solamente simbolico per il gruppo che guido, e per me personalmente. Abbiamo acquisito l’ordine per costruirla, insieme ad una gemella, nel 2014, a cavallo tra una crisi senza precedenti e un’esplosione del mercato altrettanto straordinaria. Abbiamo riposto grandi ambizioni per questa commessa, impegnandoci per dare all’armatore un prodotto all’avanguardia, capace di incontrare la sua visione della crociera moderna. Esservi riusciti con un progetto prototipo così riconoscibile, col quale ribadiamo la leadership commerciale e tecnologica nel settore, ci rende quindi doppiamente fieri del risultato”.

 

Il “float out” è una pietra miliare nel percorso di costruzione di una nave: il bacino di carenaggio viene  allagato e la nave, una volta che va in galleggiamento, viene spostata in banchina, dove proseguirà la fase finale della sua costruzione con l’allestimento degli spazi interni e delle cabine. L’evento di oggi ha rappresentato un’opportunità unica per presentare agli ospiti e ai media il design all’avanguardia che caratterizza MSC Seaside, chiamata anche “la nave che segue il sole” per via delle sue innovative caratteristiche strutturali che non hanno precedenti.

 

Lunga 323 metri e con una stazza lorda di 154.000 tonnellate, la nave potrà ospitare 5.179 ospiti; MSC Seaside è la nave da crociera più grande mai realizzata in Italia ed è la prima delle 2 navi gemelle di nuova generazione (più una terza in opzione) la cui costruzione è stata affidata a FINCANTIERI, erede della grande tradizione della cantieristica italiana.

COPIA SNIPPET DI CODICE