Crociere ai Fiordi e in Nord Europa in inverno, perché no? Con Aida si può.

E’ possibile effettuare crociere ai fiordi in inverno? Quale compagnia le propone? Aida Cruises stanzia Aida Cara per un itinerario di 2 settimane su tre crociere.

Norvegia, natura incontaminata: fiordi, laghi, cascate, ghiacciai. Ma anche sole di mezzanotte d’estate e aurora boreale d’inverno. Pervade in questi luoghi un’atmosfera fiabesca; chi c’è stato almeno una volta lo potrà confermare e chi può ritorna sempre in questa meravigliosa parte del mondo.

Fin troppo facile capire perché le tutte le compagnie crocieristiche, sempre alla ricerca di paradisi naturali e facilmente navigabili dove poter schierare le proprie unità, non manchino mai in questi posti magici. La stagione crocieristica in quest’area è però limitata ai soli mesi estivi: a queste altezze in inverno le condizioni climatiche, non sempre favorevoli (temperature glaciali, mare mosso e vento forte), possono scoraggiare i molti dall’intraprendere un viaggio.

Non va dimenticato poi che mentre in estate le giornate sono lunghissime, d’inverno sono decisamente corte: la luce in questo periodo può arrivare a vedersi anche solo un paio d’ore al giorno. Ecco perché nei mesi invernali gli unici viaggiatori ad arrivare in queste terre via mare sono quelli dei postali, una sorta di piccole navi traghetto adibite al trasporto posta e passeggeri; di navi da crociera in questo periodo nemmeno l’ombra!

Qualcosa però è cambiato: AIDA Cruises, compagnia crocieristica di proprietà di Costa Crociere e facente parte del gruppo anglo-americano Carnival Corporation, orientata verso il mercato dei paesi nor europei, ha infatti deciso di destinare una delle sue unità, Aida Cara, al mercato del Nord Europa durante la stagione invernale. Aida Cara opera con un itinerario di 14 notti partenza Amburgo alla volta di alcune fra le più importanti località della Norvegia come Haugesund, Bodo, Tromso, Alta, Sortland, Trondheim, Bergen.

Pur trattandosi di una nave piccola (poco più di 38.000 tonnellate di stazza lorda ed una capacità appena superiore ai 1.100 passeggeri) ci si può domandare come speri la compagnia di riuscire a convincere 1.100 persone ogni 14 giorni a partire per una crociera, dove con molta probabilità si troverà vento e mare mosso e sicuramente freddo e buio gran parte della giornata, ma la nave è sempre piena e l’itinerario invernale ha riscosso molto successo. Bisogna premettere che non sempre le condizioni climatiche sono così proibitive, come nel Mediterraneo in inverno può capitare di trovare giornate con temperature miti e mare calmo, in Norvegia ci si può imbattere in temperature se non altro sopra lo zero e giornate limpide e non necessariamente ventose; è sufficiente solo un po’ di fortuna!

I popoli nordici per loro indole non temono il freddo, anzi, lo preferiscono al caldo, e con la comodità d’imbarco da Amburgo fare una crociera ai fiordi in inverno diventa una splendida avventura. Non dimentichiamo poi che il moderno crocierista ritiene la nave la prima destinazione del viaggio. Fuori c’è buio, freddo e vento? Non importa perchè in nave c’è sempre il sole e caldo; con qualche buona birra e würstel di accompagnamento poi, ancora di più ed il divertimento è assicurato! Da non trascurare il fatto che solo in inverno in Norvegia si hanno altissime probabilità di assistere allo spettacolo straordinario dell’aurora boreale, fenomeno ottico dell’atmosfera terrestre, caratterizzato principalmente da bande luminose di un’ampia gamma di forme e colori, rapidamente mutevoli nel tempo e nello spazio, tipicamente di colore rosso-verde-azzurro, detti archi aurorali. Uno spettacolo che a detta di molti vale da solo il prezzo della crociera.

Quante volte su Liveboat ci siamo sentiti domandare come fare per vedere l’aurora boreale, in molti partendo in estate erano convinti erroneamente di poterla ammirare, fin’ora avevamo sempre risposto che era necessario visitare la Norvegia da escursionisti e non da crocieristi.

Questa mossa di Aida è stata una scommessa ardita, bisogna ammetterlo, ma accontenterà chi fin’ora aveva rinunciato a visitare i fiordi norvegesi durante l’inverno. Si sa che in crociera è il mezzo migliore e più comodo per toccare diverse località in un unico viaggio e sono in molti a sceglierle proprio per questa prerogativa. Ora per stabilire se la scommessa di Aida è stata vinta, bisognerà attendere i programmi dell’anno prossimo per constatare se la strada iniziata verrà confermata, chissà se anche altre compagnie si orizzonteranno su quella tratta di mare. Per chi desidera provare questa esperienza inusuale, sicuramente molto originale e attraente, nonostante tutto, aggiungiamo che Aida è un’ottima Compagnia da crociera, a bordo si parla tedesco, ma per chi è un crocierista le modalità di bordo le conosce bene.

Articolo di Marco Grassi

Collaboratore e moderatore globale

www.liveboat.it

COPIA SNIPPET DI CODICE